Categorie
Senza categoria

________Ciao mondo!

Benvenuto in WordPress. Questo è il tuo primo articolo. Modificalo o cancellalo e quindi inizia a scrivere!

Categorie
articoli

__________Ristorazione Sostenibile 360 su Libertà

Ristorazione sotenibile 360 su Libertà

Focus del quotidiano piacentino sui contenuti e sugli obiettivi del programma regionale RS360. Per informazioni e adesioni consultare il sito del progetto https://www.ristorazionesostenibile360.it/

 

Statuto

Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter
Compila il form per ricevere gli aggiornamenti

Entra anche tu nella rete di Piace Cibo Sano!
Per i cittadini
Per le aziende
Per il territorio

Vuoi collaborare con noi?

Categorie
articoli

_________Caffexpo’ “L’ecosistema della Val Tidone” – Giornata dimostrativa e Caffè Scientifico

Ristorazione sotenibile 360 su Libertà

Venerdì 10 Luglio, alle 18,  presso la tenuta dell’Azienda Mossi 1851, in località Costola (Ziano Piacentino) si terrà l’evento “L’ecosistema della Val Tidone”, organizzato dal Centro di Ricerca Opera dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e dall’associazione Piace Cibo Sano.

Sarà un evento sia pratico, rivolto agli agricoltori interessati alla protezione sostenibile delle proprie colture – che civico, rivolto a tutti coloro che sono interessati a meglio comprendere quali siano le conseguenze dell’emergenza COVID sulla propria attività lavorativa e personale.

La parte dimostrativa sarà condotta dall’Ing. Nicoleta Suciu e dalla  Dott. Maura Calliera del centro di Ricerca OPERA, con la Dott. Elisabetta Russo di Arpae, il Dott. Ruggero Colla del Consorzio Fitosanitari, il Per.Agr. Mattia Biffi dell’Azienda Mossi 1558 e il Dott. Massimiliano Mochetti di BRAGLIA s.r.l., e prevede la presentazione dei risultati dei monitoraggio ambientali, le raccomandazioni per la protezione dell’ecosistema della Val Tidone, le buone pratiche per limitare la contaminazione diffusa e puntiforme.

Segue il caffè scientifico, moderato dal prof Ettore Capri sul tema COVID 19 e pesticidi  che vede ospiti l’economista Edoardo Fornari e la psicologa Guendalina Graffigna – entrambi professori dell’Università Cattolica del Sacro Cuore – insieme al dott. Giuseppe Biasini, già direttore dell’Arpa Piacenza.

Iniziativa svolta nell’ambito del progetto Waterprotect.

 

Programma

 

Evento gratuito con iscrizione obbligatoria: info@piacecibosano.com

Statuto

Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter
Compila il form per ricevere gli aggiornamenti

Entra anche tu nella rete di Piace Cibo Sano!
Per i cittadini
Per le aziende
Per il territorio

Vuoi collaborare con noi?

Categorie
articoli

_______Fase finale concorso “Miglior Ricetta RicibiAMO” 2020 – I VINCITORI

Fase finale concorso “Miglior Ricetta RicibiAMO” 2020 – I VINCITORI

Mercoledì 5 Febbraio nell’ambito dell’evento “La Ricetta Sostenibile 2020 – Come la ristorazione può salvare il pianeta”, organizzato da PiaceCiboSano in occasione della “Giornata nazionale contro lo spreco alimentare”, sono stati premiati i vincitori del concorso “Miglior Ricetta RicibiAMO” 2020.

(I vincitori del concorso, Leonard&Niccolò, Daniela di Acquelaria e Barbara, insieme con alcuni componenti della giuria)

Le tre ricette vincitrici, scelte tra le precedentemente ammesse alla fase finale, sono state individuate dalla giuria di esperti (composta da professionisti del mondo della ristorazione) come quelle che meglio hanno rappresentato il connubio tra arte culinaria e attenzione antispreco.

Queste le ricette premiate:

Categoria “CHEF PROFESSIONISTI”

Daniela, cuoca del centro Acquelaria, Carote a merenda

Categoria “FUTURI CHEF”

Leonardo Frontero e Niccolò Dozio, Risotto con agone e crumble di pane al dressing di verdure

Categoria “CHEF DI CASA”

Barbara Bongiorni, Tris di morbidi estratti

Link e contenuti relativi all’evento, per rivivere i momenti più significativi della giornata, con foto, video e testimonianze dei partecipanti:

Statuto

Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter
Compila il form per ricevere gli aggiornamenti

Entra anche tu nella rete di Piace Cibo Sano!
Per i cittadini
Per le aziende
Per il territorio

Vuoi collaborare con noi?

Categorie
articoli

_____Finalisti Concorso “Miglior Ricetta RicibiAMO 2020”

Fase finale concorso “Miglior Ricetta RicibiAMO” 2020 – I VINCITORI

Mercoledì 5 Febbraio nell’ambito dell’evento “La Ricetta Sostenibile 2020 – Come la ristorazione può salvare il pianeta”, organizzato da PiaceCiboSano in occasione della “Giornata nazionale contro lo spreco alimentare”, sono stati premiati i vincitori del concorso “Miglior Ricetta RicibiAMO” 2020.

(I vincitori del concorso, Leonard&Niccolò, Daniela di Acquelaria e Barbara, insieme con alcuni componenti della giuria)

Le tre ricette vincitrici, scelte tra le precedentemente ammesse alla fase finale, sono state individuate dalla giuria di esperti (composta da professionisti del mondo della ristorazione) come quelle che meglio hanno rappresentato il connubio tra arte culinaria e attenzione antispreco.

Queste le ricette premiate:

Categoria “CHEF PROFESSIONISTI”

Daniela, cuoca del centro Acquelaria, Carote a merenda

Categoria “FUTURI CHEF”

Leonardo Frontero e Niccolò Dozio, Risotto con agone e crumble di pane al dressing di verdure

Categoria “CHEF DI CASA”

Barbara Bongiorni, Tris di morbidi estratti

Link e contenuti relativi all’evento, per rivivere i momenti più significativi della giornata, con foto, video e testimonianze dei partecipanti:

Statuto

Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter
Compila il form per ricevere gli aggiornamenti

Entra anche tu nella rete di Piace Cibo Sano!
Per i cittadini
Per le aziende
Per il territorio

Vuoi collaborare con noi?

Categorie
progetti

Ricibiamo

CONCORSO “Miglior Ricetta Ricibiamo”

Contest destinato a chef professionisti e appassionati di cucina di tutto il territorio nazionale che punta a valorizzare le buone pratiche di sostenibilità alimentare attraverso la premiazione delle migliori ricette antispreco.

Edizione 2022:

Premiazione

RICIBIAMO – CHI AMA IL CIBO NON LO SPRECA

“RicibiAMO chi ama il cibo non lo spreca” è un progetto finalizzato alla riduzione dello spreco alimentare nella ristorazione. L’iniziativa, nata nel 2013 dalla collaborazione tra PiaceCiboSano ed Università Cattolica del Sacro Cuore ed inserita nel Piano Nazionale Prevenzione degli Sprechi Alimentari (PINPAS), promuove lo sviluppo delle comunità attraverso:

  • La definizione di pratiche di produzione e consumo virtuose e sostenibili per la riduzione dello spreco alimentare
  • La creazione di nuove competenze professionali
  • La realizzazione di un campagne di informazione/formazione sulla riduzione dello spreco
  • L’applicazione di sgravi fiscali
RicibiAMO ha come obiettivo prioritario la creazione di una rete nazionale di ristoratori responsabili e sostenibili che si impegnano ad adottare buone pratiche per contrastare lo spreco alimentare in cucina e in sala, comunicandolo in trasparenza ai loro clienti, elaborando ricette sostenibili da inserire nel menù e riducendo i rifiuti di cibo.

Tra i servizi messi a disposizione, il progetto prevede la fornitura della FamilyBox, un kit sostenibile composto da una borsa robusta in carta riciclata e un contenitore in pura cellulosa totalmente riciclabile e compostabile. Scopo del kit è invitare ed invogliare i clienti a portare a casa in modo sicuro il cibo non consumato.

La FamilyBox è disponibile anche per consumatori e tutti i soggetti o realtà interessate.
Interesse dell’iniziativa è estendere la rete anche a scuole, associazioni e consumatori per lo studio e la realizzazione di pratiche anti-spreco sostenibili.
Inoltre, all’interno del progetto RicibiAMO, l’associazione PiaceCiboSano organizza eventi di disseminazione e informazione tra cui rassegne enogastronomiche dedicate a menù sostenibili, aperitivi sostenibili e concorsi come “Miglior ricetta RicibiAMO” per valorizzare e dare visibilità alle buone pratiche adottate dai membri della rete.

Per maggiori informazioni sul progetto, adesione alla rete e FamilyBox, scrivi a info@piacecibosano.it




I Ristoranti e gli esercizi commerciali che aderiscono a RicibiAMO

Categorie
progetti

Ristorazione Sostenibile RS360

RS360 è un programma volontario di certificazione per la ristorazione regionale, adatto a ogni tipo di ristorante dell’Emilia-Romagna. A 360° perchè considera aspetti ambientali, economici e sociali e offre una visione ampia e olistica della sostenibilità.

RS360 rappresenta un modo semplice e concreto per valorizzare le scelte gestionali del ristoratore, consapevole che per vincere la concorrenza ed innovare con successo deve indirizzare gli sforzi verso il miglioramento continuo.

È un’opportunità per il ristoratore di condividere con trasparenza i propri impegni responsabili ai clienti ed a tutti i portatori di interesse. Il ristoratore avrà la possibilità di valutare e misurare le proprie prestazioni di sostenibilità, anticipando così le sfide del futuro.

La filiera ristorativa e il settore della ristorazione saranno un laboratorio, “una cucina di sostenibilità” dove si elaboreranno ricette di economia, sociologia ed ecologia.

Con la messa in pratica esperienziale del programma i ristoratori saranno abilitati a comprendere quali sono gli ingredienti e come cucinare la sostenibilità.

RS360 è un programma inclusivo, partecipato perché condiviso tra i portatori di interesse e consistente perché validato da un Comitato Scientifico, composto da membri della comunità tecnico-scientifica del settore, che ne garantisce la solidità ed il continuo adeguamento alle più avanzate conoscenze.

IL RISTORATORE SOSTENIBILE È colui che:

Rispetta la terra e il cibo, gestendo le risorse che impiega con consapevolezza e senso di responsabilità.
Ha cura delle persone, del personale e dei clienti, sostiene aziende impegnate nel sociale e apre il suo ristorante alla collettività.
Si impegna e crea opportunità nel territorio in cui opera, investe in tecnologie e formazione per ridurre l’impatto ambientale, migliorare e rendere più sicuri i processi di lavoro.

COSA FA UN RISTORATORE SOSTENIBILE?

COME FUNZIONA IL PROCESSO DI CERTIFICAZIONE?

Per avere altre informazioni o per aderire al progetto:
– scrivi a info@piacecibosano.com
– visita il sito dedicato al progetto www.ristorazionesostenibile360.it
Un progetto di:

Con il contributo di:

Categorie
progetti

A scuola alimentiAMO una merenda sana

L’obiettivo generale di progetto è quello di adeguare l’offerta alimentare con riferimento al pasto della merenda alle esigenze nutrizionali dei ragazzi, con un occhio agli aspetti di sostenibilità, sia delle caratteristiche intrinseche dell’alimento, che di quelle estrinseche.

Il progetto prevede lo studio e l’identificazione di alimenti fruibili come merenda consumata a scuola con le seguenti caratteristiche:

  • buona qualità nutrizionale (i.e. ridotto contenuto in zuccheri e sale)
  • di preferibile provenienza del territorio
  • fresca e di stagione
  • trasparenza (indicazione precisa sulla provenienza della materia prima, trasformazione…)
  • varia
  • semplice e non elaborata
  • con ingredienti ben identificabili.

Tali alimenti sono forniti e serviti da aziende del territorio che, partecipando a questo progetto, si impegnano in un’azione comune di Responsabilità Sociale d’Impresa, volta a coinvolgere il mondo scolastico e a ridurre con esso le distanze al fine anche di educare, attraverso azioni concrete, i giovani studenti.

Le aziende si impegnano inoltre a:

  • proporre alimenti che rispettino le caratteristiche di merenda sana sopra elencata
  • fornire i dettagli su materie prime e trasformazione degli alimenti
  • ospitare alcuni studenti in azienda per vista ed evento di formazione e educazione
  • identificare un manifesto di RSI per poter mettere a valore il loro impegno nel progetto e gli impegni futuri in materia di sostenibilità
  • interagire fra loro per creare un meccanismo di fornitura virtuoso e efficiente all’interno del territorio anche nell’ottica dell’economia circolare.

Gli Obiettivi

Gli obiettivi del progetto si distinguono tra quelli auspicabili per le aziende partecipanti e quelli auspicabili per le scuole.

AREA DI INTEREVENTO: AZIENDE

INCREMENTO DI AZIONI E INTERVENTI IN MATERIA DI RESPONSABILITA’ SOCIALE DI IMPRESA

Gli obiettivi identificati per le aziende sono:

la costruzione di una rete di soggetti che:

  • intende resistere e reagire ad un mercato, locale ed internazionale che tende ad uniformare;
  • oltre alla valorizzazione del proprio impegno nei confronti del bene comune e del territorio chiede di poter lavorare CON il territorio e NON SOLO per il territorio.
  • permetta di individuare le soluzioni più adeguate ai contesti locali, catalizzando le risorse e le competenze presenti sul territorio;
  • permetta di rinnovare la cultura di impresa promuovendo lo sviluppo di una comunità equilibrata e rispettosa del diritto di ciascuno di esprimere le proprie capacità, idee e attitudini, in un contesto il più possibile vicino ai propri bisogni e nell’ottica di uno sviluppo economico sostenibile;
  • riduca il gap fra settore aziendale e formazione e coinvolga maggiormente e funga da catalizzatore per il coinvolgimento delle aziende sugli scopi educativi dei ragazzi per accrescere una maggiore competenza ed avvicinare il profilo dello studente a quello professionale richiesto.

AREA DI INTEREVENTO: SCUOLE

ESITI EDUCATIVI

Esiti didattici: (nelle classi seconde in cui già il programma curricolare di scienze prevede conoscenze di alimentazione)

a) Acquisizione di conoscenze e consapevolezza delle caratteristiche nutrizionali e di sostenibilità della merenda che i ragazzi fanno a ricreazione:

  • I principi nutritivi
  • Gli addittivi alimentari
  • Alimentazione corretta ed equilibrata come mezzo di prevenzione

b) Acquisizione di abilità:

  • Conoscere la composizione e la funzione dei diversi alimenti
  • Distinguere gli alimenti in base alla loro densità calorica
  • Riconoscere gli addittivi alimentari più comuni e le loro funzioni
  • Esemplificare le regole per un’alimentazione corretta
  • Saper leggere in modo ragionato le etichette dei prodotti alimentari.


Esiti relazionali:

a) Confrontarsi ed apprendere nel gruppo classe (ascoltare gli altri, offrire le proprie conoscenze agli altri, collaborare per un progetto comune)

b) Aprirsi con curiosità verso il reale

c) Mettere in pratica le indicazioni per un’alimentazione equilibrata in relazione al benessere psicofisico


Ricadute sull’organizzazione

La conoscenza dei principi nutritivi contenuti negli alimenti e le quantità corrette da assumere diventa cruciale perché “nel periodo della vita compreso tra l’inizio della pubertà e l’inizio dell’età adulta (dagli 11 ai 18 anni circa) grazie ad una maggiore autonomia e libertà di movimento, possono presentarsi varie occasioni di per compiere scelte alimentari autonome al di fuori dell’ambito domestico” (da “Linee guida per l’educazione alimentare nella scuola italiana” pubblicazione del MIUR del 20/10/2011). Le indicazioni dell’OMS invitano le popolazioni a comportamenti alimentari atti a prevenire molte gravi malattie, compresa l’obesità.

“La promozione di un’alimentazione sana tra i bambini è auspicabile visto il continuo aumento della malattia in questa fascia d’età “ (A.Cattori, Prevenzione dell’obesità attraverso un’educazione alimentare nell’infanzia, teoria e creazione di strumenti pedagogici concreti. Novembre 1999).

Ricadute sulla formazione personale:

a) Acquisizione di conoscenze relative alla cura e al controllo della propria salute attraverso una corretta alimentazione

b) Acquisizione della consapevolezza che qualunque sostanza chimica introdotta nell’organismo, viene assorbita, trasformata, trattenuta o eliminata, modificandone la struttura con conseguenze positive o negative sulla salute che dipendono dalle scelte personali

c) Rendere consapevoli i ragazzi di quello che attualmente dispongono (le macchinette) e cosa mangiano durante le ricreazioni.

d) Acquisizione di un nuovo stile di vita


Classi I – II – III della Scuola Media Dante Carducci

Il presente progetto è frutto del perseguimento dell’attività progettuale che si è tenuta nell’anno scolastico 2017/2018 che ha visto lo sviluppo dei seguenti step:
  • Indagine sui cibi delle macchinette (proposta di cinque domande al massimo da sottoporre a ciascun allievo) e sui momenti delle pause scolastiche per gustare una merenda sana
  • Somministrazione di un questionario sulle abitudini alimentari con particolare focus sulla merenda.
  • Analisi delle risposte (effettuata da personale esterno alla scuola)
  • Restituzione dei risultati alle classi (giornata dedicata alla “merenda a scuola”) a cui abbinare un Cafèxpo sul tema “Merenda sana cosa significa?”
  • Analisi dei risultati dell’indagine di ogni classe e assunzione di decisioni sostenibili per la scuola proposte dagli stessi ragazzi.
  • Costruzione di un progetto di fattibilità condiviso all’interno delle classi.

    Le attività progettuali prevedono il coinvolgimento di:

    • Associazione di Promoione SocialePiacecibosano
    • Istituto Professionale Alberghiero “G. Marcora”
    • Aziende agricole
    • Scuola Secondaria di I Grado Dante-Carducci
    • Centro di ricerca universitario OPERA dell’Università Cattolica del Sacro Cuore

    FASE DI SPERIMENTAZIONE DEL PROGETTO

    Categorie
    progetti

    Waterprotect

    WATERPROTECT: tecniche green per la protezione delle acque potabili

    WATERPROTECT (Innovative tools enabling drinking WATER PROTECTion in rural and urban environments) è un progetto appartenente al programma comunitario HORIZON 2020 sulla diffusione di sistemi innovativi per la protezione delle acque in ambienti rurali e urbani.

    Il progetto (che ha come capofila VITO, ente di ricerca del governo belga) coinvolge 27 Partners europei e si propone di diffondere un sistema efficace di contenimento/riduzione della eventuale contaminazione puntuale o diffusa delle acque sotterranee da pesticidi e nitrati utilizzati in agricoltura. In particolare, attraverso 7 casi-studio vengono approfonditi gli aspetti dell’impatto di tali inquinanti in 7 aree europee, diverse per condizioni pedo-climatiche, sistemi e tipologia di coltivazione.

    Il caso-studio Italia prevede la partecipazione di 3 soggetti locali: Arpae, Università Cattolica del Sacro Cuore, Associazione PiaceCiboSano, tutti con sede a Piacenza).

    La durata del progetto è di 36 mesi, e si chiuderà quindi il 31 maggio 2020.

    Pagina progetto europeo – https://water-protect.eu/

    Pagina action lab italiano – http://www.bevisicuro.info/project/waterprotect/

    Pagina sul sito di ARPAE – https://www.arpae.it/dettaglio_generale.asp?id=3909&idlivello=1931


    Viticoltori con pozzo della Val Tidone
    Attraverso 7 casi-studio vengono approfonditi gli aspetti dell’impatto di tali inquinanti in 7 aree europee, diverse per condizioni pedo-climatiche, sistemi e tipologia di coltivazione.
    Il caso-studio Italia è affidato all´Università Cattolica del Sacro Cuore, Arpae, Associazione PiaceCiboSano, tutti con sede a Piacenza. L’obiettivo locale è quello di identificare la diffusione della conoscenza e l´applicazione delle buone pratiche agricole in viticoltura (BMPs), approfondendo uno specifico comparto territoriale, la Val Tidone, vocata tradizionalmente alla coltivazione e trasformazione della vite.

    Il progetto può essere realizzato grazie alla disponibilità e fattiva collaborazione della Cantina Vicobarone, che ha messo a disposizione già nella campagna di raccolta delle uve 2017 i propri Soci e relative realtà.

    Categorie
    progetti

    Mangiare a Scuola

    Mangiare a Scuola

    Educazione alimentare partecipata con gli adolescenti

    “Mangiare a Scuola – Aggiungi un posto a tavola” è un programma di educazione alimentare, lanciato con l’obiettivo di guidare gli adolescenti ad una vera consapevolezza nei confronti delle scelte alimentari.
    Il progetto mira a stimolare la discussione rispetto al tema dell’alimentazione e del cibo, guidando gli studenti all’identificazione degli argomenti di maggiore interesse.

    Argomenti:
    – nutrizione e sport
    – alimentazione vegetariana e vegana
    – cibo e cultura
    – disordini alimentari
    – scelte consapevoli e sostenibilità

    Studenti e insegnanti della Scuola Superiore.

    Il progetto promuove l’educazione alimentare secondo un approccio partecipativo, che coinvolge gli attori del mondo dell’istruzione superiore.

    Azioni:

    • Identificazione, da parte degli studenti, delle tematiche di maggiore interesse sul tema dell’alimentazione
    • Organizzazione degli argomenti in 5 macro-gruppi
    • Analisi delle fonti e discussione
    • Interviste ad adolescenti, insegnanti e cittadini, per identificare le priorità rispetto a ciascun tema
    • Realizzazioni di contenuti per la presentazione dei risultati (ricerche bibliografiche, report, materiali multimediali)
    • Presentazione dei risultati presso Expo Milano 2015

    Piacenza

    Per info su sviluppo e trasferibilità del progetto, scrivi a info@piacecibosano.com